GIGI


 Chissà perchè quando qualcuno lascia questo mondo, 

nonostante tutto quello che ha combinato, diventa simpatico a tutti.

Gigi 

È una fredda giornata

di un inverno glaciale.

Oggi c’è un funerale

 un’altra vita andata.

 

Gigi era un uomo normale,

volenteroso lavoratore

ed esperto muratore.

Ogni tanto si svegliava male.

 

Quando la luna era storta,

moglie e figlia bastonava.

Delle loro urla se ne fregava.

Nemmeno ai vicini ciò importa.

 

Spesso al pronto soccorso,

le poverette a farsi medicare.

Mai l’han voluto denunciare

 e nemmeno far ricorso.

 

Nessuno lo tollerava,

sempre lui aveva ragione,

sia in politica che sul pallone.

Il più delle volte si evitava.

 

In vita aveva molti nemici.

La morte l’ha portato via

e ora gode di gran simpatia.

Ora tutti si dicono amici!

 

Adesso che ci ha lasciato,

tutto il paese all’unisono

dice che era galantuomo.

Non santo, ma di certo beato.

 

Solenne il suo funerale.

Chi da lui è stato pestato

tutto gli hanno perdonato.

Nessuna vendetta, solo morale.

 

Che fatica capire!

Come può un violento

senza nessun buon intento

santificato morire?

 

O Signore, liberaci dall’ipocrisia.

A noi non sta a giudicare,

ma neanche farci abbindolare.

Tu che lo puoi……fa che così sia!

 

G*

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Mondo di Cesarina.

Il mulino Tibaldo: il bazar delle farine.

Contatti & Chi siamo.

Una Domenica Insieme.

Marche 2024