Per non dimenticare.




PER NON DIMENTICARE.


Era il 1° Novembre del 2012 quando la Professoressa Elena Garavoglia venne per l’ultima volta a Molino per consegnare la Borsa di Studio “Domenico Garavoglia” agli studenti vincitori del concorso che si ripete ogni anno al primo novembre fin dal lontano 1998 e che continua ancora oggi la sua tradizione di premiare gli studenti più meritevoli della Valle.
Ora, dopo la dipartita della signora Elena, la Borsa di Studio viene ancora elargita ed è giustamente intitolata al suo ricordo, come del resto a fatto lei che per lunghi anni che l’ha devoluta in memoria del fratello Domenico.


L’importante cerimonia della Borsa di Studio, sempre organizzata rispettando la tradizione dei primi tempi, ha sempre avuto un grande richiamo nella Comunità, infatti tutti aspettavano l’arrivo della signora Elena per salutarla, per sentire quello che lei diceva non solo agli studenti premiati, ma anche agli adulti presenti, ai bambini che ogni anno con le loro maestre presenziavano alla cerimonia con poesie e canti, infatti lei aveva una parola per tutti e quello che diceva incantava  grandi e piccini, di qualsiasi argomento si trattasse.
Il suo modo di porsi, la sua affabilità accompagnata da un riconosciuto carisma ha fatto della professoressa Elena Garavoglia una persona eccezionale ed indimenticabile.
Il suo sincero affetto per la Comunità, in modo particolare per quella di Molino, dove aveva tanti ricordi, traspariva in ogni sua parola e lo manifestava con tutta se stessa ed e per questo che con l’occasione dell’imminente Cerimonia della Borsa di Studio, che senza la presenza della signora Elena, come succede già da qualche anno, ha perso gran parte del suo fascino trasformandosi in una semplice premiazione come tante.
È un fatto importante che la Borsa di Studio “Elena Garavoglia” continui ad essere elargita, ma sarebbe una cosa bellissima dedicare il 1° Novembre  soprattutto al suo ricordo, magari con una mostra fotografica sulla sua vita, riproponendo molti dei suoi discorsi tra i quali se ne trova qualcuno di memorabile.
Tutta la popolazione avrebbe la possibilità di ricordare e riscoprire la memoria di una persona che pur vivendo a Milano ha sempre portato la Comunità di Molino nel proprio cuore e questo è dimostrato non solo dalle sue parole, ma soprattutto dai fatti, sostenendo la Borsa di Studio per lunghi anni, lasciando ogni volta che arrivava da Milano qualcosa per i bambini che gli erano particolarmente cari.
Ricordare la Professoressa Elena Garavoglia è la cosa migliore che possiamo fare, anzi è un dovere.



 
 


Commenti

Post popolari in questo blog

Il Mondo di Cesarina.

Il mulino Tibaldo: il bazar delle farine.

Contatti & Chi siamo.

Una Domenica Insieme.

Marche 2024