Talenti della Valle del Chiampo 2.

                                  

 Circa trent’anni fa nell’Alta Valle del Chiampo i contadini non erano certo una rarità, come al giorno d’oggi e si davano un gran da fare, perché per loro il lavoro e la famiglia erano cose sacre.

Il semplice lavoro della terra a volte non riusciva a dare pieno sostentamento alla famiglia e quindi in qualche modo bisognava provvedere ed ognuno, secondo il suo talento si dedicava ad altre incombenze e una delle più importanti era allevare qualche animale in più per poterlo vendere.

 Così fece anche Paolo Volpiana, contadino dell’Alta Valle, al fine di dare qualcosa in più alla sua numerosa famiglia, allevava e vendeva qualche animale a Berto dei Sanzini e questo fu l’inizio di una lunga e interessante storia che arriva ai giorni nostri.

E in quei intrepidi anni, quando in famiglia c’era da sgobbare, non lo faceva solo qualcuno, ma tutti ne erano coinvolti, infatti i figli di Paolo, ancora scolaretti andavano a dare una mano a Berto, in modo particolare nella stagione invernale, quando andavano in giro a famiglie per fare su el mas-cio. Intanto il tempo passava e i ragazzi crescevano e così Berto, vedendo che questi tusi ci sapevano fare bene con i coltelli ed erano armati di buona volontà, un bel giorno propone loro di cedergli, la piccola ma animata macelleria.

Gli occhi dei ragazzi si illuminarono, quasi non credevano che avrebbero potuto gestire da soli una attività nella quale da sempre sono stati a contatto, quella proposta sembrava un sogno.

 Il sogno di una macelleria propria si concretizzò nel 1978 quando i figli di Paolo arrivarono a Molino, lungo la provinciale, in un locale di proprietà di Gino Scoccia che vista la decisa volontà dei ragazzi ha dato loro fiducia, affittando loro il locale, dove oggi si fa la pizza d’asporto.

 

La Macelleria dei Fratelli Volpiana inizia a farsi conoscere non solo a Molino, ma anche fuori, infatti i clienti iniziano ad arrivare numerosi, attratti soprattutto dalla qualità delle carni macellate dai fratelli, che un bel giorno decidono con l’entusiasmo sempre dimostrato verso il loro lavoro, di munirsi di un macello proprio, anche se le finanze del momento non erano delle migliori, perché il via vai da Molino al macello comunale di Arzignano era dispendioso e controproducente.

Il lavoro andava bene e allora perché non rischiare, oltre al macello in proprio di costruire una nuova macelleria in modo di dare al cliente un prodotto di alta qualità, praticamente andare a prendere i capi dagli allevatori della nostra Valle e dopo averli ben selezionati, far giungere le loro prelibate carni direttamente sul bancone del negozio?

 Certo non fu facile e sicuramente i fratelli Pietro e Gaetano avranno avuto più di qualche incubo per aversi preso un impegno così gravoso, ma loro determinazione e la loro ferrea volontà ha consentito loro di superare tutti gli ostacoli ed ora possono andare orgogliosi della loro attività dove si producono prodotti di qualità, come i salumi rigorosamente naturali nel rispetto della tradizione vicentina, ogni tipo di carne e di affettato, ma anche polli, porchette, arrosti allo spiedo e molti altri prodotti gastronomici di produzione propria.  


 Oggi la Macelleria dei Fratelli Volpiana, dove nel frattempo si sono inserite, con altrettanta passione dei loro papà anche le figlie di Pietro e Gaetano, si presenta come un luminoso e moderno negozio curato in ogni dettaglio dove la competenza, la cortesia e la professionalità verso il cliente fanno di questa struttura non solo il vanto della famiglia Volpiana, ma di tutta la Valle.


 

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Mondo di Cesarina.

Il mulino Tibaldo: il bazar delle farine.

Contatti & Chi siamo.

Una Domenica Insieme.

Marche 2024